Domenica, 25 giugno 2017 - ORE:22:36

A Bari arriva la criminalità organizzata georgiana, spazzati via i delinquenti locali, cosa accadrà ora?


criminalita-organizzata

Adesso al nostro paese non basta più la criminalità nazionale, arriva anche quella estera.

Come se ce ne fosse bisogno, adesso, in Italia bisogna preoccuparsi anche della criminalità georgiana, legata alla mafia russa. L’arrivo di questo nuovo e potenziale pericolo è avvenuto a Bari. La città pugliese, a quanto pare, è sta scelta come base logistica. Rapine, estorsioni di ogni tipo, ricettazione e, neanche a dirlo, riciclaggio e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina rappresentano i biglietto da visita di questi delinquenti. Il predominio georgiano, senza neanche troppa difficoltà, ha asfaltato in pochissimo tempo la criminalità barese.

L’allarme è stato lanciato direttamente dalla Direzione nazionale antimafia (Dna) nell’ultima relazione depositata nei giorni scorsi. Un documento lungo 849 pagine in cui, stando a quanto è trapelato, sono svelati tutti i particolari di maggiore rilievo sull’omicidio del georgiano Revas Tchuradze, avvenuto il sei gennaio 2011 a pochi passi dalla stazione centrale di Bari.

Indiscrezioni affermano che l’omicidio sarebbe collegato ad «una faida tra i due principali clan georgiani: Kutaiskaya, che raggruppa i georgiani originari della città di Kutaisi e Rustavski-Tibiliskaya, che riunisce i soggetti originari di Rustavi e Tiblisi».

La Direzione NazionaleAntimafia ha continuato, inoltre, che tutte le attività investigative che, fino a questo momento, sono state svolte, riconducono tutte al codice della mafia russa, una conferma dello spessore criminale della vittima nel clan Kutaiskaya.

Come se non bastasse la Mafia nazionale a creare già non pochi problemi, adesso ci si mette anche quella internazionale. L’Italia sembra diventare sempre più un porto di mare della criminalità. Un facile approdo per i peggiori avanzi di galera che il mondo ha da offrire.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 12 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.