Domenica, 17 dicembre 2017 - ORE:00:37

Omicidio Luca Massari, nuovi sviluppi


luca massari

Smartwatch free

Stefania Citterio condannata a 10 mesi di reclusione

Stefania Citterio, coinvolta nel 2010 nell’omicidio del taxista Luca Massari, pagherà penalmente per minacce (10 mesi di reclusione) ma – in sede civile – dovrà risarcire per concorso anomalo in omicidio. La singolare sentenza della corte d’appello è in realtà coerente col fatto che la procura non aveva presentato appello per convertire la pena in primo grado (10 mesi per minacce, appunto), ma solo per innalzarla (di un mese: richiesta non accolta), mentre i familiari della vittima avevano chiesto che la corte riconoscesse il reato più grave. Ma ciò varrà solo ai fini del risarcimento danni, da quantificare con un processo civile. La più naturale delle conseguenze.

Un omicidio nato da un semplice diverbio

Il 10 ottobre 2010 il taxista Luca Massari investì per sbaglio un cane in via Ghini, nella periferia sud di Milano. Scese per rassicurarsi delle condizioni dell’animale e per scusarsi, ma venne aggredito a morte. Per l’aggressione fatale è già stato riconosciuto colpevole Morris Ciavarella, condannato in primo grado con rito abbreviato (e poi in appello) a 16 anni di carcere per avere sferrato “gli ultimi due micidiali colpi”.

La Citterio (fidanzata di Ciavarella) e il fratello Pietro Citterio erano stati invece condannati nel maggio 2012, lei a 10 mesi per minacce, lui a 14 anni per concorso anomalo in omicidio, incendio e lesioni.
Una tragedia che, dopo molto tempo, sembra volgere al termine. Scenari di questo tipo, senza ombra di dubbio, possono essere ammirati soltanto in Italia.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 1 minute, 52 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.