Sabato, 25 febbraio 2017 - ORE:14:02

Scandalo tangenti all’Eni


eni

Anche Eni ha i suoi grattacapi

Parte un’altra inchiesta che, sicuramente, farà molto discutere. Stiamo parlando dello scandalo che ha coinvolto Eni.
L’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, ai microfoni dell’Ansa, ha dichiarato: “Siamo totalmente estranei”.

Stando alle ricostruzioni dei fatti, l’ad di Eni Paolo Scaroni, avrebbe visto a Parigi un mediatore di una società di Hong Kong, consorzio che avrebbe fatto da canale a delle pesanti tangenti indirizzate a funzionari pubblici algerini per ottenere grossi appalti a Saipem.

Questo è quello che è emerso da fonti qualificate in ambienti giudiziari.

Ovviamente Eni, oltre a Saipem, è stata accusata in base alla legge 231 del 2001 sulle attribuzioni amministrative degli enti nell’ambito dell’indagine per corruzione internazionale.

Ecco la nota ufficiale presentata dal Gruppo Eni:

“In merito all’inchiesta giudiziaria della Procura della Repubblica di Milano che coinvolge Saipem per attività in Algeria, Eni prende atto che la Procura ha esteso le indagini anche nei confronti di Eni e del suo Amministratore Delegato”.

Nella medesima nota l’Eni precisa di aver “direttamente fornito, e continuerà a fornire, la massima cooperazione alla magistratura”.

Il titolo crolla in borsa

La vicenda che ha colpito l’amministratore delegato, Paolo Scaroni ha fatto crollare il titolo in borsa dell’azienda. Il suddetto chiude a -4,62%. La controllata del gruppo petrolifero, per tutta la seduta valorizzata dagli acquisti, guadagna il 5,26%.

Dopo quello che è successo a Monte dei Paschi di Siena, un’altra situazione di questo tipo andava assolutamente evitata. Cosa si nasconde ancora sotto il manto del nostro paese?



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 1 minute, 55 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.