Martedi, 17 ottobre 2017 - ORE:15:19

I fans di Luigi Preiti aumentano


luigi preiti

La vita di tutti gli uomini è uguale, ma quella di alcuni di loro è meno uguale delle altre. Non ce ne voglia George Orwell se parafrasiamo un passaggio de “La Fattoria degli animali” ma quanto accaduto nelle scorse ore francamente rasenta l’assurdo. Tra i milioni di utenti di Facebook e Twitter alzi la mano chi non ha trovato sulla sua bacheca almeno una tra le seguenti frasi: “Chi ha sparato ha sbagliato mira”, “Dieci, cento, mille Luigi Preiti !”, “Preiti doveva aspettare qualche minuto e fare centro” oppure “Peccato, altrimenti c’era un politico in meno da mantenere”. Qualcuno l’ha scritto di getto dopo aver visto i telegiornali di mezzogiorno o dopo aver fatto un primo giro in Rete. Qualcun altro non ha scritto in preda alla concitazione dell’accaduto, si è preso del tempo, si è informato e poi… ha postato messaggi simili in serata, a bocce ferme. Non vogliamo in questa sede criticare la Rete e social network perché le stesse frasi le abbiamo sentite in metropolitana, al bar o in ufficio.

Le aggravanti non mancano

Senza dubbio è un’aggravante quella di averci pensato su. Ma forse poco cambia: la bassezza dell’essere umano nell’augurarsi la morte del prossimo non ha limiti di tempo o di spazio. E’ disumano pensare che un uomo meriti di morire ammazzato a colpi di pistola solo perché ricopre la carica di deputato o senatore o fa parte di un governo. Non appartiene a un uomo dotato di coscienza e sentimento decidere chi deve morire e chi no. Allo stesso modo non siamo regrediti fino all’epoca romana, quando bastava un pollice verso per condannare a morte una persona.

La classe politica di certo non ha attenuanti

Da anni non siamo fieri della nostra classe politica. La Prima Repubblica è morta e sepolta, la Seconda agonizzante, la Terza ancora in vitro. Pochi aspiranti di quest’ultima cercano di capire come mai Preiti sia arrivato a tanto. Molti di loro usano parlano ogni giorno di golpe, assassini di Stato e di mettere o meno le mani in tasca agli italiani.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 24 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.